assistenza sanitaria finanza cialis generico rimedio mal di testa
onlyficate

Come un modello 3D prende vita

Salve a tutti amici! Bentornati al Blog di Interactive Project! Come sempre ci auguriamo voi siate al meglio!

Torniamo oggi con un vecchio classico e vi proponiamo la trasposizione in italiano di un articolo dedicato a come un modellino 3D possa trovare la vita nei vostri giochi. Se preferite leggere l’articolo originale in inglese potete trovarlo qui.

Ma veniamo a noi! Per l’occasione il nostro CTO Augusto (dopo averci spiegato come bisogna affacciarsi alla scrittura del codice per i videogiochi. Articolo che trovate qui) passa ad illustrarci come un modello che nasce come modello 3D disegnato da un nostro artista passa nel mondo di codici che forma un videogioco e prende vita nelle nostre esperienze videoludiche!

onlyficate

Una volta che il modello 3D è stato disegnato in Blender deve essere esportato nel codice di gioco. Facciamo un esempio, per il nostro OverVolt, abbiamo delle slot cars disegnate e renderizzate in 3D, le macchinine vengono poi esportate e lo sviluppatore passa quindi ad integrare il disegno grafico nella logica di gioco. Questo permette alla macchinina di muoversi e di avere parti semoventi, di sbattere, ruotare e avere effetti visivi e uditivi coordinati ai suoi movimenti.

Ad Interactive Project usiamo Unity 3D come motore di gioco. Questo software è integrato con un editor che aiuta gli sviluppatori a intervenire su ogni parte del modello operando direttamente da codice. L’oggetto, da Blender, viene esportato in un formato leggibile dal motore di gioco Unity, dove, successivamente, verrà importato il file che permetterà agli sviluppatori di modificare e agire sul modello attraverso una serie di strutture di dati.

A questi oggetti, ora parte del “gioco” è assegnata una posizione precisa nel “mondo” (per esempio in un circuito di MyGPTeam Turbo), il motore di gioco di solito semplifica il lavoro degli sviluppatori essendo già programmato per modificare e organizzare gli oggetti presenti nell’ambiente di gioco. Il lavoro che resta per gli sviluppatori è creare una struttura di codice per implementare le logiche di gioco e scrivere alcune specifiche tecniche che permettono più dettagli in-game. Lo stesso Unity poi permette di leggere i codici e “passare il gioco” alla scheda video. Infine, la scheda video “disegna”, secondo le istruzioni del motore di gioco, milioni di sequenze di immagini sul vostro schermo per lanciarvi dritti nell’esperienza di gioco.

Ogni tanto capita che risulti più facile chiedere alla scheda video di fare determinate azioni sulle sequenze già iniziate dal motore di gioco. In poche parole, dopo aver programmato il motore di gioco, alcune animazioni mancanti sono lasciate alla scheda grafica che, prima di mostrarlo sullo schermo di gioco applica le modifiche richieste alleggerendo quindi il lavoro del motore di gioco. Un esempio?

Il movimento della bandiera sulla tua macchina nello shop di OverVolt: crazy slot cars!

 market-cars

Cercate un supporto per terminare e pubblicare il vostro gioco su Unity 3D? Scriveteci qui.

E continuate a seguirci sul Blog di Interactive Project!

About Interactive Project

Interactive Project develops and publishes mobile and browser-based game, with focus on motor-sports and racing titles. The company is also engaged in assisting indie developers in the finalization and publishing of their games, through the project “Indie’s Way”, and it collaborates with third party companies on ad hoc development of gamification apps and advergames.

Our games are developed with extreme cure to graphics, design and game-play experience, stressing the social and multiplayer aspects. Each game is a modular product, opening the possibility to re-use the technology to boost the development of new games, titles and gamification apps.

22. May 2015 by Interactive Project
Categories: How to's | Leave a comment